Camminare, porsi domande e sudare

Reading Time: 3 minutes
Castello del Garagnone – Parco Nazionale dell’Alta Murgia – ripreso da angolazione insolita (foto Corrado Palumbo)

L’escursionismo è una pratica dell’anima, un esercizio per vedere le cose della vita in un modo più idoneo. Per comprenderlo si deve leggere “Zaino e scarponi” , il libro di Corrado Palumbo con la prefazione di Stefano Ardito.

I colori che ci propinano in tempo di pandemia (rosso, arancione, giallo) oscurano quelli di cui dovremmo godere camminando nella natura, tra i paesaggi e tra la gente che li abita. La deprivazione di benessere che subiamo, in questo lungo tempo di contagi e di morti da Coronavirus, lascerà segni importanti in ciascuno di noi. E quando potremo tornare a camminare per pseudosteppe, valloni, calanchi, falesie non sappiamo se sarà come prima. Forse non lo sarà, forse gli attacchi ai pochi scampoli di naturalità si moltiplicheranno tra Recovery Fund ed altri strumenti finanziari. Però, un libro, quello può servire a lenire le ferite. Zaino e scarponi di Corrado Palumbo ed edito dalla Progedit, fa al caso e ti lascia l’animo meno scuro. Corrado è un vecchio camminatore, escursionista, trekker si direbbe à la page. Ha girato le montagne italiane, e non solo, in 40 anni di piacere ed ha deciso di raccontare quel che vede ed ha visto. Nel suo libro precedente, “Facce da Murgia”, sempre edito da Progedit, si è soffermato su quella sorta di enclave antropologica, geologica e

naturalistica che è l’Alta Murgia a poche decine di chilometri dal capoluogo di regione. In “Zaino e scarponi”, invece, vi è una miscellanea di esperienze e di ricordi, di situazioni e di riflessioni. Camminare superando dislivelli enormi, con zaino pieno di roba e scarponi da montagna, perché? Sentirsi appagati dopo aver concluso un’escursione di otto ore ed abbandonarsi sulle tavole di un bivacco oppure, se va bene, di un rifugio, perché? Ognuno ha le sue risposte ma, probabilmente, tutte tendono a dichiarare che così si può essere capaci di vedere le cose della vita in un modo più idoneo. Ricorderò sempre quando, sulle Dolomiti altoatesine, molti anni fa rimasi letteralmente piantato all’inizio di una piccola parete praticamente verticale ed attrezzata per un percorso in ferrata. Ebbi la chiara dimostrazione che quel che finora avevo fatto in decenni di escursionismo non valeva a nulla. Perché sia accaduto ancora non lo so, visto che avevo superato situazioni simili. Ma un braccio mi si tese dall’alto, quello di un altro escursionista che nel frattempo mi aveva superato e che mi aiutò a

superare me stesso ed il timor panico. Ecco, Corrado Palumbo si addentra in domande che solo camminando sovvengono ed in risposte che ci si dà, se ce le si dà, solo di volta in volta. Corrado se le è date sulla neve, ad esempio, in una delle innumerevoli escursioni sul massiccio del Pollino. E poi si è fatto altre domande sul Monte Raparo, sopra Spinoso in provincia di Potenza, sempre sulla neve. Solo che in questo caso riguardavano la presenza di qualcun altro oltre i compagni di escursione. Chi era davanti a loro, silenzioso e con orme nitide ed allineate sulla neve? La risposta è balenata con un misto di emozione e di timore: lui, il lupo, il principe. Chissà, ci si sarebbe potuti trovare faccia a faccia? Risposte non ce n’è sul Monte Raparo perché l’incontro non è avvenuto e a decidere è stato sicuramente lui. Camminare, pensare, domandarsi, rispondersi. Respirare senza mascherina (si può, non si infrange alcuna regola di prevenzione) con zaino e scarponi.

Fabio Modesti

4 pensieri riguardo “Camminare, porsi domande e sudare

  • 19 Gennaio 2021 in 9:19
    Permalink

    Sempre attento all’uomo e alla natura, all’uomo nella natura, Fabio ci prende per mano e ci indica luoghi , libri, battaglie che fanno del vivere il segreto della vita

    Rispondi
    • 19 Gennaio 2021 in 10:13
      Permalink

      Faccio quel che posso per certificare l’esistenza in vita! Grazie, Maria Antonietta.

      Rispondi
  • 19 Gennaio 2021 in 9:43
    Permalink

    Grazie Fabio di questa bella testimonianza a me che sono straniero nella tua terra in quelle zone,….
    Grazie perché naturalmente dopo 20 anni di cammini all’interno della Murgia e all’interno del Parco dell’Alta Murgia sento umilmente quel territorio anche come mio.
    Sono profondamente d’accordo inoltre che nella libertà questo per correre il creato in assoluta libertà NON si è minimamente in pericolo per se stessi e NON si è pericolosi per gli altri.
    Di questi tempi è quasi di moda e sulla bocca di tutti una frase quasi assoluta ed indiscutibile… che viene però passata come profonda ed importante :
    “La bellezza salverà il mondo ….. frase che certamente ce l’ha una osservazione che avrà pure la sua importanza Ma che nella mia personale classifica non vede sicuramente la bellezza al centro così assoluto della esistenza umana.
    Personalmente sono profondamente convinto che ciò che salverà il mondo e quindi salverà l’uomo sarà l’amore, l’amore autentico in tutti i suoi aspetti….E penso che ciò che salverà il mondo, prima della bellezza, sarà il creato e la natura…..
    E quindi un amorevole braccio che si sporge verso di noi per migliorare la nostra persona e profondamente significativo per capire che, solo attraverso le collaborazioni amorevoli tra le persone ci sarà la possibilità di risorgere da tutta questa situazione così distruttiva per l’intero nostro pianeta.
    Enio

    Rispondi
    • 19 Gennaio 2021 in 10:14
      Permalink

      Grazie a te, Eugenio, con un abbraccio altrettanto amorevole per il tuo pensiero.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *